giovedì

Bignonia capensis tecomaria (crescerebbe anche su Marte)


La mia vicina, per farmi felice, due anni fa mi trapiantò un piccolo esemplare di bignonia, dal suo al mio giardino.

L'idea - giusta - era quella di farla rampicare tra le fronde di un lentisco soprastante, in modo da farlo sembrare fiorito di rosso per tutta l'estate.

L'idea mi piacque, ma il punto di Allau scelto da Silvia per il felice trapianto, in estate non è secco, è desertico !

Questa estate mi sono prodigata per farle avere dell'acqua, grata ed intenerita dalla sua sopravvivenza in condizioni così estreme.

Due bagni assai generosi in tre mesi circa, e lei cosa mi combina a fine settembre?

MI FIORISCE.

Grande pianta, forte e resistente.

Ve la consiglio se avete punti secchi ed assolati da dipingere di rosso !!


2 commenti

  1. Avevo sentito dire che le radici causano problemi ai muri, magari non e'vero, ma e'meglio verificare, di fatto e'molto tenace.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uuuuhhh non sapevo. Grazie Sara, verificherò, Per fortuna ne ho 2 e tutte lontano da casa.Una, quella della foto, è sotto un muro di contenimento del terreno

      Elimina

Cosa ne pensi? Dillo qui !

© R.S.
Maira Gall