giovedì

Il grattacielo con il bosco in tasca

A due passi dal "Bosco verticale" la torre unicredit di Cesar Pelli

Il "Bosco verticale" dell'architetto Stefano Boeri, ha vinto il Highriser award 2014 - un prestigioso riconoscimento assegnato ai più bei grattacieli del mondo.
Questo "Bosco" sta a Milano, e finalmente sono andata a fotografarlo.
Le due torri premiate ospitano 8 mila alberi tra i 3 e gli 8 metri, 11 mila perenni e tappezzanti e 5 mila arbusti di ogni tipo.

Ad un passo dal "Bosco verticale" la nuovissima  "Casa della Memoria". di Boeri

Un "Bosco", per l'appunto! Di non facile gestione, ecco perchè sul tetto svetta un argano, messo lì per facilitare i lavori di manutenzione del "Bosco", che altrimenti sarebbero o costosissimi o addirittura impossibili

Il tetto del "Bosco verticale"

La concezione degli edifici è all'avanguardia e in parte fantasticamente utopica, e ne hanno parlato i quotidiani, le riviste di architettura e anche quelle di giardinaggio


E' un'opera davvero importante, e indica la strada del futuro di un pezzo importante dell'architettura e dell'urbanistica


Le torri mi sono piaciute molto, ma a me, questo "Bosco" pare davvero spelacchiato! 

Tu che ne dici? Sarà l'inverno? 

4 commenti

  1. Màh! Utopia allo stato puro. Mi è difficile perfino guardare le foto e non scutere la testa....poi, può piacere o meno....a me meno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah, in effetti la grande architettura, quando innova, scatena parecchie perplessità . Sarà questo il caso?

      Elimina
  2. Meglio...i fiori di plastica!

    RispondiElimina
  3. Non è spelacchiato, è l'inverno! :-D
    Il Bosco Verticale io l'ho seguito fin dalla sua nascita, perchè si trova accanto alla Stazione Garibaldi che utilizzo sempre per arrivare a Milano.
    Come dici tu, può piacere o non piacere, ma bisogna capire ciò che sta dietro a questo progetto e come si svolge e non limitarsi a una semplice occhiata.
    Io ho avuto poi la fortuna di conoscere Laura Gatti, l'agronomo-paesaggista che ha progettato il verde del Bosco Verticale (Stefano Boeri è l'architetto-progettista degli edifici) che ha studiato e risolto le esigenze botaniche. logistiche, ingegneristiche e pratiche.
    Non hai idea di cosa ci sarebbe da raccontare su questo tanto criticato Bosco Verticale!
    Ah, dimenticavo...ogni lato del Bosco Vericale ha specie diverse.
    Le piante spoglianti (quelle che hai fotografato tu) sono sui lati ovest e nord. I sempreverdi prevalgono invece sul lato sud.
    Scusa la lunghezza del commento :-)

    RispondiElimina

Cosa ne pensi? Dillo qui !

© Rose semplici
Maira Gall