domenica

belle di notte

Anche quest'anno il desiderio di ritagliare un angolo di Mirabilis Jalapa TUTTO bianco (bianco puro, che bello il bianco puro) è andato a farsi friggere.


Questo è un fiore che resiste bene al caldo, ancora meglio se messo in vaso (finally Mallorca occhio anche qui, posso spedirti semi che prendono tutti di MJ color bianco, magenta, misto a caso e pure giallo).

In un attimo di follia stavo estirpando le piante non bianche ma Ale mi ha fermata in tempo con un secco "Ma sei matta ?! Son gli unici fiori che abbiamo". Non è del tutto vero ma ho desistito lo stesso perché in effetti son matta. Bianche o chiazzate che siano, son fra i pochi fiori di Allau. Poi che sarà mai questo integralismo giardinicolo così fuori luogo nel generale caos di Allau? Non saprei dirlo.

Il bianco puro è meno frequente di altri colori, in paese (Fluminimaggiore) ho individuato due piante isolate, quindi  "pure" nel loro candore virginale, e le sto curando per prenderne i semi, di cui farò incetta, per me, per il futuro, e per chi ne gradisse qualcuno per il suo angolino bello di notte.

Se vi interessa fatemelo sapere.

6 commenti

  1. Sono sorprendenti, ma quelle foglie...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti piacciono o ti ripugnano, non capisco quale delle due ...

      Elimina
  2. A me piacciono di più quelle tutte macula te e ho passato l'infanzia a giocare con i semini neri :) ciao Laura, nei passati tramonti ti è arrivato il mio pensiero?Valentina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, dove c'è il mare i pensieri graditi circolano con grande facilità 😉😉👋🏼

      Elimina
  3. Anche io ci giocavo da piccola. Ne aveva delle bellissime piante mia nonna, poi estirpate dopo alcuni lavori edili. Si autodisseminano e si ibridano con una facilità disarmante. Non sono piante dal portamento invidiabile secondo me, ma quando sono in fiore sono allegre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si non sono piante fenomenali, ma non possono mancare in un giardino caldo

      Elimina

Cosa ne pensi? Dillo qui !

© humus
Maira Gall